www.infolido.it

Il vademecum del litorale romano

Che tempo fa'

°F°C
Lido di Roma
Error! Unable to Find Specified Location!
Italian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) English French German Greek Hebrew Japanese Portuguese Russian Spanish
Loading feeds...
×

Messaggio

Direttiva EU e-Privacy

Questo Sito Web usa i cookies per gestire la autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Visitando il nostro sito web, tu accetti che possiamo memorizzare questo tipo di cookies sul tuo device.

Guarda la documentazione sulla direttiva e-Privacy

Hai deciso di non accettare i cookies. Questa decisione può essere annullata.

Due uova sode a settimana migliorano il benessere psicofisico.

L' uovo sodo è un alimento molto semplice da preparare ed è  un concentrato di energia. 
Nei  paesi dell’Europa centrale viene servito anche a colazione. Nel periodo  Pasquale le uova sode vengono  decorate e colorate e fanno parte della tradizione  di questi popoli  che affonda le sue radici nel Medioevo. 
L’uovo sodo nella antichita' rappresentava  il simbolo del ritorno della Primavera, mentre nel periodo Cristiano rappresentava la  rinascita di Cristo.
L’uovo sodo nella alimentazione mediterranea viene considerato un alimento a se stante ed anche un ingrediente, quale decorazione ad esempio in una insalata, ma anche un secondo piatto o un antipasto.


Per preparare un ottimo uovo sodo bisogna  metterlo in acqua fredda e  in un pentolino, il liquido deve  coprire tutto il guscio. Il tegame deve essere messo  sul fornello e portare ad ebollizione, l' uovo. Dal momento che l'acqua  è bollente va lasciato bollire  per 8 minuti, al massimo 10 per quelle più grandi, poi va scolato e quindi raffreddato in acqua fredda.
Quando l'uovo cuoce troppo vi è  una reazione chimica che pigmenta il tuorlo che assume il colore di verde.  Ciò  avviene perché  nell'albume oltre a tante sostanze  vi  è  lo zolfo ed il ferro, questi due elementi a causa della alta temperatura  danno vita ad una reazione chimica che forma un nuovo elemento chimico chiamato
solfuro ferroso. 
Questa reazione è la causa della colorazione verdastra. Ciò non significa che le uova troppo cotte diventino non commestibili, il loro valore nutrizionale è  simile a quelle fresche.
Il tuorlo dell"uovo è   una fonte prevalentemente di grassi, anche colesterolo, mentre l’albume  è una fonte di proteine e pochi grassi ed è privo  di colesterolo.

I grassi contenuti nell’uovo sono per la maggior parte saturi, tale caratteristica fa si che tale alimento  sia molto ricco di colesterolo, quindi bisogna consumarlo con moderazione.
Le uova sono una preziosa fonte di proteine ad alto valore biologico: ossia ricche di amminoacidi essenziali.
La cottura riduce in maniera significativa il contenuto di vitamine, ma non incide su quello di sali minerali: potassio, ferro, calcio, fosforo e zinco.
L’uovo sodo risulta più digeribile, quando la cottura è attenta e rispettosa dei tempi.
L’uovo  è un alimento poco calorico, infatti, un uovo di medie dimensioni apporta solo 77 kcal.
Le uova sono uno degli alimenti che, contrariamente a quanto si è sostenuto in passato, contribuiscono a fornire al nostro organismo proteine e micronutrienti utili. Il contenuto di grassi saturi rende indispensabile consumarle con moderazione: due uova alla settimana sono sufficienti e, in questo limite, vanno tenute in considerazione anche le uova utilizzate come ingrediente, di un dolce o della pasta fresca.
Un uovo sodo apporta 13 g proteine, poco meno della quantità da assumere in un intero pasto: ciò significa che aggiungere a una insalata mista sia un uovo sodo che un po’ di tonno o formaggio, come spesso capita, comporta un apporto proteico eccessivo.
Servito come secondo piatto, insieme a un abbondante contorno di verdura fresca e  dopo un primo piatto di pasta condita con verdure miste e olio extravergine di oliva a crudo, l’uovo sodo può rappresentare la fonte principale di proteine di un pasto.

Chi è online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

Accesso Utenti